Andrea Biggio

È solo sciogliendo i nostri nodi interiori,

invece di ossessionarci e fissarci sui problemi dell’altro,

che si può consentire alla situazione di distendersi

ed al partner di riavvicinarsi …

38 睽 La Contrapposizione.

Divergence.

Diversity.

Il Polarizzare.

(Tensione tra due poli, tra lo stesso e l’altro) 

Potenziale di evoluzione favorevole di contrasti e disaccordi tra due poli.

38 - 120px-Iching-hexagram-38.svg

… andare molto al di là dell’apparente stanchezza, incomprensione o divergenze nel rapporto matrimoniale, per approdare alla grande opportunità che, finalmente, si ha tra le mani per interrogarsi su sé stessi.

Il serial americano IN TREATMENT, con un bravissimo Gabriel Byrne, poi  riproposto con regia e attori italiani, come Sergio Castellitto e Licia Maglietta. Piace e appassiona partecipare alle vicende dell’analista, soprattutto quando poi queste vengono riportate al suo “supervisore” , perché in esse viene trattata una materia umana universale che trascende le singole storie per fissarsi nell’anima come tematica tipica della vita.

Tra le storie che “entrano” in terapia c’è quella di un carabiniere tormentato da un senso di colpa per aver partecipato ad azioni, nella qualità di infiltrato, nelle quali ci sono state vittime innocenti. Questo militare Dario, l’attore Guido Caprino, durante una seduta abbastanza complessa comunica all’analista che è giunto il momento di far terminare il suo matrimonio, che non sente più di voler continuare.

L’analista riesce a portare lo scambio psicologico e analitico con il suo cliente ad un punto tale che la sua visione terapeutica, di quanto resta inconscio in quella decisione affrettata di Dario di chiudere la sua relazione matrimoniale, riesce a far breccia in Dario stesso, quantomeno in termini dubitativi rispetto alla sua personale improvvisa decisione di chiudere con la moglie.

E sapete qual’è la tesi analitica che viene proposta per una riflessione a Dario il carabiniere? A me è sembrato che sia il senso fondamentale del I Ching quando, con l’esagramma n°38 La Contrapposizione, esso risponde a domande circa chiarimenti richiesti su problemi di coppia.

L’analista  invita, dunque, il suo “paziente” ad andare molto al di là dell’apparente stanchezza, incomprensione o divergenze nel rapporto matrimoniale, per approdare – al contrario – alla grande opportunità che egli, finalmente, ha tra le mani per interrogarsi su se stesso. Quella che il carabiniere vive come crisi, agli occhi dell’analista, può diventare una grande cartina di tornasole che svela i suoi propri blocchi in questa fase della sua vita. L’altro, infatti, in casi del genere svolge semplicemente un ruolo di specchio che ci rinvia una immagine di noi stessi, “tremendamente” , che non è per niente piacevole.

La crisi di coppia, quindi,  diventa una straordinaria tappa della vita, quella in cui si può avviare una riflessione personale, con annesso grosso lavoro su sé stessi. Un lavoro che andrà a sostituire le divergenze d’opinioni nella coppia, le recriminazioni, i rimproveri al partner che – improvvisamente diventa un altro, uno straniero. Meglio sarebbe – propone Castellitto (sulla scia della filosofia/psicologia dell’esagramma in esame) – affrontare lo sconosciuto, lo straniero che alberga in noi stessi, per poterci dialogare, anche se non è così facile.

È solo sciogliendo i nostri nodi interiori, invece di ossessionarci e fissarci sui problemi dell’altro, che si può consentire alla situazione di distendersi ed al partner di riavvicinarsi in una condivisione più importante.