Hai davvero ragione tu? #ZhuangZi

Supponiamo che io discuta con te e che tu abbia la meglio su di me e che io non abbia la meglio su di te, ciò significa che tu hai veramente ragione e che io ho veramente torto? Se io ho la meglio su di te e tu non hai la meglio su di me, ciò significa che io ho veramente ragione e che tu hai veramente torto? Abbiamo entrambi ragione o abbiamo entrambi torto?

Se né io né tu possiamo saperlo, un terzo sarebbe certamente nella stessa oscurità. Chi potrebbe stabilire chi ha ragione? Supponiamo di trovare qualcuno che la pensi come te: come potrebbe decidere chi ha ragione se la pensa come te? Supponiamo di trovare qualcuno che la pensi come me: come potrebbe decidere chi ha ragione se la pensa come me? Se perciò né io né tu né un terzo possiamo decidere, dovremo forse cercare un altro?

Che cosa significa armonizzarsi secondo i limiti naturali? Quando dici “giusto” e “non giusto”, “vero” e “non vero”, anche se il “giusto” è effettivamente giusto, la differenza fra “giusto” e “non giusto” resta indefinita; anche se il “vero” è effettivamente vero, la differenza fra “vero” e “non vero” resta indefinita.

Tra parole e realtà può non esserci alcuna relazione. Armonizzati secondo i limiti naturali e lascia andare: questa è la via per vivere il maggior numero di anni. A questo punto dimentichi l’età, dimentichi le convenzioni e fiorisci affidando tutto all’infinito.

(Zhuang Zi, 2 – da L’essenza del Tao, Thomas Cleary, ed. Mondadori)

5 pensieri riguardo “Hai davvero ragione tu? #ZhuangZi

  1. Hai ragione anche tu

    Hai ragione anche tu
    cosa voglio di più
    un lavoro io l’ho
    una casa io l’ho
    una casa io l’ho
    la mattina c’è chi
    mi prepara il caffè
    questo io lo so
    e la sera c’è chi
    non sa dir di no
    cosa voglio di più
    hai ragione tu
    cosa voglio di più
    cosa voglio
    Anna
    voglio Anna.
    Non hai mai visto un uomo piangere
    apri bene gli occhi sai perchè tu ora lo vedrai
    apri bene gli occhi sai perchè tu ora lo vedrai
    se tu…
    non hai mai visto un uomo piangere
    guardami…
    guardami…
    Anna…
    voglio Anna.
    Ho dormito lì
    fra i capelli suoi
    io insieme a lei
    ero un uomo.
    Quanti e quanti sì
    ha gridato lei
    quanti non lo sai
    ero un uomo.
    Cosa sono ora io?
    Cosa sono mio Dio?
    Resta poco di me
    io che parlo con te
    io che parlo con te
    di…
    Anna
    Anna
    voglio Anna
    voglio Anna

  2. « Ogni qualvolta una teoria ti sembra essere l’unica possibile, prendilo come un segno che non hai capito né la teoria né il problema che si intendeva risolvere. »
    (Karl Popper, Conoscenza oggettiva: un punto di vista evoluzionistico.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...